A cura della Redazione

Approvato il bilancio consuntivo del comune di Torre Annunziata.

Il consiglio comunale oplontino, presieduto da Rocco Manzo, si è riiunito ieri per approvare il rendiconto finanziario dell'anno 2019. Tutti presenti all'appello ad eccezione della consigliera Maria Teresa De Martino.

Il dirigente del settore finanziario Nunzio Ariano, nel suo intervento, ha spiegato le difficoltà in cui si è trovato l'Ente, che a seguito di un decreto ingiuntivo da parte di un giudice, e nonostante il Comune fosse in anticipazione di cassa, ha dovuto far fronte ad un debito di 1 milione e 400 mila euro risalente a decenni fa e relativo a mancati contributi post terremoto della legge 219/81.

Ma cosa sono le anticipazioni di cassa?
In modo semplicistico si potrebbe rispondere che sono somme che il Tesoriere comunale (per il comune di Torre Annunziata la BNL) mette a disposizione dell’Ente in momenti di difficoltà economiche per sopperire a momentanee carenze di liquidità e fare quindi fronte a tutti gli impegni. Il dott. Ariano ha anche posto l'accento sulle difficoltà economiche degli Enti locali a causa dei continui tagli dei trasferimenti da parte dello Stato  nell'ultimo decennio che hanno impoverito le casse comunali. 

Il documento contabile è stato votato a favore dall'intera Assise, ad eccezione dei consiglieri comunali Germaine Popolo, astenutasi, e di Ciro e Davide Alfieri e Pierpaolo Telese, che hanno votato contro.