Insetti, Fritto, Mal di gola, Vino, Candeggina, Verdure.

A volte, nei posti dove si conservano le confezioni di farina, riso o pasta, troviamo farfalline o altri insetti. Per liberarsi di loro, basta mettere nell'’ambiente qualche foglia di alloro. Il suo odore, infatti, per noi è impercettibile, mentre per gli insetti è davvero sgradevole e li allontanerà.

Per far sparire l'’odore del fritto, poco gradevole, che spesso si sprigiona in tutta la casa, portate ad ebollizione un pentolino con acqua, chiodi di garofano e cannella, lasciandolo bollire mentre friggete. Oppure, dopo aver fritto, potete mettere una stecca di vaniglia, anche già “sfruttata”, nel forno caldo, tenendolo aperto.

Per alleviare il mal di gola, fate bollire due bastoncini di liquirizia, che ha proprietà antinfiammatorie e analgesiche, in poca acqua con due foglie di alloro. Bevete l'’infuso tiepido, dopo aver aggiunto un cucchiaio di miele per addolcirlo.

Se non avete finito la bottiglia di vino frizzante, non buttatelo nell’'erronea convinzione che le bollicine saranno definitivamente svanite al pasto successivo. Basta aggiungere due acini di uva passa nella bottiglia e gli zuccheri naturali che contengono manterranno “vive” le bollicine.

Se avete usato la candeggina e non riuscite a togliere l’'odore dalle mani, lavatele utilizzando il dentifricio anziché il tradizionale sapone.

Come conservare al meglio la verdura: i broccoli mantengono il colore vivido e la croccantezza per circa 3-5 giorni, ma solo se conservati in frigo, nel cassetto della verdura, non lavati e in una busta di plastica lasciata aperta.

Per mantenere, invece, la lattuga fresca, rimuovete le foglie andate a male, sciacquatela e poi asciugatela bene, drenando via tutta l’acqua. Conservatela stendendo le foglie in frigo, alternandole a strati di carta assorbente. La lattuga durerà anche una settimana.

Infine, le cipolle vanno conservate in un luogo fresco ed asciutto, lontano dalla luce diretta del sole e dalle patate, che emettono un gas dannoso.