Imparare l'arte del riciclo... facendo attenzione ai rifiuti

Le regole del vivere “ecologico”...

  • Mai buttare nel lavandino o nel wc l’olio usato per friggere perché inquina la falda dell’acqua. Informatevi presso il vostro comune dove si trova il centro di raccolta.
  • Nel limite del possibile, cerchiamo di evitare l’acquisto smodato di posate, piatti e tovaglie di plastica.
  • Perché non tornare ad usare i cerini o i fiammiferi di legno? Diminuiamo l’uso di accendini usa e getta!
  • Non buttiamo mai, nel bidone della spazzatura, farmaci, vernici e batterie, tutti materiali tossici. Portiamoli nei contenitori della raccolta differenziata, nelle farmacie e nelle autofficine.

...facendo attenzione ai rifiuti

  • Non utilizziamo troppo i tovaglioli di carta anche se sono molto più comodi. E’ ecologicamente provato che è meno inquinante lavare quelli
  • in tessuto.
  • Le cartucce delle stampanti si posssono facilmente ricaricare acquistando l’apposito kit. Potete anche portarle nei centri dove si fa la permuta della cartuccia esaurita con una ricaricata.
  • Pulendo le verdure non scartiamo mai i gambi dei carciofi, le cime verdi dei porri, le foglie delle carote e delle rape: sono parti molto ricche di sali minerali e vitamine, ottimamente utilizzabili nella preparazione di brodi e minestroni.
  • Non gettiamo mai il pane! Piuttosto grattugiamolo e conserviamolo in un vaso di vetro ermeticamente chiuso per le impanature.

... e imparando l’arte del riciclo

  • Quando andate a fare spesa portate con voi una o due borse di stoffa oppure abituatevi a riutilizzare più volte i sacchetti che già avete in casa. Così eviterete di accumulare troppa plastica.
  • In estate, per evitare l’uso a volte eccessivo degli insetticidi, versiamo un dito di aceto forte in un paio di piattini. Gli insetti si allontaneranno.