Gli oggetti in ferro sono i più soggetti alla ruggine. E anche qui, oltre ai prodotti in commercio, possiamo pulire la ruggine con qualche trucchetto della nonna.

Per oggetti di piccole o medie dimensioni, un bagno di mezza giornata in aceto di vino bianco, per poi strofinare con un batuffolo di cotone. O sale e succo di limone, da lasciar riposare un paio d’ore e poi sciacquare. Oppure una patata da tagliare a metà, per cospargere la parte tagliata con bicarbonato. Un po’ di olio di gomito, rabbocchi di bicarbonato quando necessario, e risciacquo finale

La ruggine non ha pietà. E noi non ne avremo con lei. I rimedi consigliati, a fianco ai prodotti che eliminano la ruggine, sono succo di limone, stavolta da mescolare con cremor tartaro per ottenere un composto abrasivo ma non graffiante, oppure – c’è da provare – un tappo di sughero. Da strofinare.

Pulire la ruggine dalle cromature

Una pasta come quella a base di cremor tartato e succo di limone è quel che si impiega anche per eliminare le macchie di ruggine dalle cromature. E anche qui, accanto a prodotti ad hoc, possiamo procurarci della pasta abrasiva – di quella che utilizzano in carrozzeria, insomma.