A cura della Redazione

Sequestro preventivo di circa 350.000 euro ai danni della ATITECH S.p.A. di cui Giovanni Lettieri (già candidato sindaco di Napoli) è il presidente del Consiglio di Amministrazione. Il provvedimento - emesso dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura - è stato eseguito dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli.

Lettieri risulta indagato per operazioni commerciali risultate inesistenti, poste in essere nell'anno 2011 dalla società che si occupa di manutenzione e riparazione dei aerei e veicoli spaziali. Sarebbero state contabilizzate 41 fatture ricevute da un'altra società (con sede a Brusciano) inerenti la veniciatura di velivoli. Accertamenti di natura fiscale avrebbero evidenziato che quest'ultima non avrebbe mai potuto fornire le prestazioni commerciali richieste in quanto mera società cosiddetta "cartiera". La ATITECH - per gli inquirenti - avrebbe dunque contabilizzato fatture relative a costi fittizi per oltre 640mila euro. Inoltre, nel 2011, la stessa azienda avrebbe impiegato 25 dipendenti dell'altra società che in realtà erano già stati licenziati nel 2010.

Infine Lettieri avrebbe evitato di tracciare nel 2011 le entrate e le uscite del personale della società fittizia dai cinque hangar della ATITECH, che ha sede nell'aeroporto di Capodichino a Napoli nonostante siano attive rigorosissime procedure di accreditamento.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook