A cura di Mario Cardone

“Il sindaco di Pompei, Pietro Amitrano, mente sapendo di mentire". È quanto hanno replicato i sindacati sulla questione della turnazione dei vigili urbani.

Antonio Fascia (FP-CGIL), Vincenzo Pagano (CISL-FP) e Mario Russo (UIL-Flp) hanno diffuso un documento sindacale contenente la seguente dichiarazione: “In merito alle dichiarazioni del sindaco Pietro Amitrano, precisiamo che non c’è stato alcun confronto con i rappresentanti dei lavoratori e non ci sono i presupposti per la risoluzione della problematica riguardante la turnazione della polizia municipale”. Inoltre è stata anche resa pubblica la notizia che il sindaco di Pompei è stato denunciato dagli stessi sindacati per condotta antisindacale, per cui appare necessario attendere le decisioni del giudice prima di avviare nuovi rapporti. In merito alle dichiarazioni di Amitrano emerge dal comunicato sindacale che ”lo stesso primo cittadino che afferma di essersi confrontato con i rappresentanti dei lavoratori, ad oggi non ci ha ancora convocati nonostante il sollecito del Prefetto”.

Una cosa è certa: persiste lo stato di agitazione del personale, non si è aperto alcuno spiraglio riguardo e della Supplica del 5 maggio. Nello specifico tutta la vertenza è ancora avvolta in una nebbia che non accenna a diradarsi. In merito risulta sia stata presentata un’interrogazione parlamentare dalla senatrice M5S Virginia La Mura, e una nuova iniziativa (dello stesso tipo) dovrebbe essere avviata nei prossimi giorni da Fratelli d'Italia, mentre a livello locale sembra che si voglia “insabbiare” il problema che riemerge inesorabilmente ogni volta che si presenta una scadenza importante per Pompei.