A cura di Mario Cardone

Il sindaco di Pompei Pietro Amitrano ha impartito direttive (e relative sanzioni) sulla sicurezza pubblica e il decoro urbano, ponendo limiti alle emissioni acustiche e sonore, alla vendita e al consumo di bevande alcoliche, ed ai contenitori di vetro.

Tutto bene. Il problema è che per controllarne l’applicazione delle direttive ed impartire le previste sanzioni previste dall’ ordinanza ci sarebbe bisogno dei vigili urbani, che notoriamente sono di numero insufficiente e non sono in servizio la sera e nei fine settimana.

Resta vietata (ma con scarsi controlli) la vendita di bevande  in contenitori e bicchieri in vetro fino al 31 ottobre 2019. La somministrazione di alcolici e il relativo consumo sono vietati dalle ore 23,00 alle ore 07,00.  Il consumo e la somministrazione sul posto è consentita  esclusivamente agli esercizi muniti di licenza. Per i contravventori è prevista la sanzione  da 25 a 500 euro, salvo che non si configurino superiori infrazioni o reati.

La diffusione di musica di intrattenimento all’interno degli esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande è consentita fino alle ore 24,00, con la protrazione di un’ora il venerdì e sabato, in cui bisogna ridurre il volume  a partire da un’ora prima della chiusura.

La musica è consentita esclusivamente all’interno del locale. L’ effettuazione di piccoli intrattenimenti musicali negli spazi all’aperto di bar e ristoranti è consentita solo previa specifica autorizzazione dell’Ufficio Suap su parere favorevole della Polizia Municipale, fino alle ore  24,00 dei giorni feriali, con la possibilità di protrazione di un’ora il venerdì e sabato e l’obbligo di ridurre il volume a un’ora prima della chiusura.

 I contravventori saranno puniti con la sanzione da euro  258.23 ad €euro 10.329,15. Se la violazione si reitera per tre volte nell’anno solare, comporterà, oltre alla  sanzione pecuniaria, l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria: sospensione per 3 giorni dell’attività di pubblico esercizio di somministrazione (bar - ristoranti e similari) e/o dell’attività di pubblico spettacolo/trattenimento.

L’eventuale ulteriore violazione accertata nell’anno solare comporterà la sospensione dell’attività per 5 giorni.