A cura di Mario Cardone

Dolcetto o scherzetto? La Pompei Antica e quella moderna esorcizzano il pensiero della morte. I social informano che nell'antica Roma (come a Pompei) esisteva una festività simile ad Halloween (si dimostra ancora una volta che gli americani non hanno inventato niente di nuovo). Esisteva il Mundus Patet che era una fossa che metteva in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti. Essa veniva aperta tre volte all’anno e nell’occasione le anime dei morti tornavano a frequentare il mondo dei vivi. Ne consegue che in quei giorni bisognava fare molta attenzione: era proibito dare battaglia, prendere moglie e le porte dei templi rimanevano chiuse.

Per quanto riguarda la Pompei moderna, la serata di ieri 31 ottobre ha visto una grande affluenza di persone (specialmente di bambini) nella centrale via Lepanto. Animazione per le strade e distribuzione di dolciumi e zucchero filato da parte dei commercianti locale ai bambini per festeggiare la nuova vita scongiurando il pensiero della morte. Tutto bene. Alla fine sono arrivati molti visitatori a Pompei e i locali pubblici hanno registrato il tutto esaurito. Bella festa per tutti. Peccato sia arrivato verso le ore 20 un forte temporale sulla città antica e su quella nuova.

Il Parco Archeologico è rimasto senza elettricità, isolato dal territorio e senza collegamenti radio per la sorveglianza e la sicurezza del Monumento.