A cura di Mario Cardone

Potrebbero nascere complicazioni e disguidi nel comparto delle notifiche di atti giudiziari di competenza del Comune di Pompei, per il semplice motivo che si è completamente azzerato il ruolo di servizio del comparto nell’ambito del fenomeno di svuotamento dell’organico di personale amministrativo, operai e vigili urbani.

Si assiste alla fine di una generazione di dipendenti senza che sia stato messo in moto il conseguente ricambio. Le conseguenze in generale sono sotto gli occhi di tutti sia per i disservizi e l’assenza di personale esperto in tutti i settori dei servizi pubblici sia per le tensioni di questi ultimi giorni, alimentate probabilmente anche dallo stato di malessere generale della compagine dei dipendenti comunali.

Per quanto riguarda il pensionamento dei quattro messi notificatori al Comune di Pompei, la carenza del servizio potrebbe comportare conseguenze di natura giuridica nel caso di ritardi e/o disguidi dal momento che tutto il lavoro a riguardo è stato “scaricato” sulla scrivania del comandante dei vigili urbani Petrocelli poiché i suoi collaboratori (anche se dimezzati di numero) sono gli unici a poter espletare il servizio in quanto dotati delle competenze professionali necessarie in merito.

Solo a fine mese arriverebbe in mobilità un messo notificatore che potrebbe un poco alleggerire la situazione attuale, mentre procede l’esodo in tutti i settori dei servizi comunali e aumentano le lamentele dei cittadini contro una classe politica impreparata a fronteggiare il problema.