A cura di Mario Cardone

Alcuni aspiranti a candidarsi a sindaco alle prossime elezioni amministrative di Pompei, sarebbero orientati a restare fuori dalle grandi coalizioni. Vale a dire quelle che (una volta di un orientamento l’altra volta di quello opposto) nelle ultime tornate hanno partecipato all’“assalto al treno”. Praticamente in quei casi si è sempre parlato di coalizioni formate da liste civiche ma con la preponderanza di candidati che simpatizzavano per i partiti di destra o per quelli di sinistra.

Nello specifico si segnala l’orientamento del meeting del M5S di Pompei di convocare per sabato prossimo una riunione degli iscritti alla piattaforma Rousseau e dei simpatizzanti per studiare la praticabilità di presentarsi col simbolo pentastellato.

Si è saputo anche di qualche ex sindaco che intende partecipare alla competizione dalla sala di regia. Vale a dire formando esclusivamente delle liste elettorali. La platea dei candidati alla poltrona di primo cittadino resta più o meno quella di 3 anni fa da cui fu “estratto” il nominativo di Amitrano, anche se dovrebbe presentare qualche novità legata più che altro al desiderio che comincia ad avere qualche pompeiano di rompere il cerchio dei soliti noti.