A cura di Mario Cardone

E’ stato concluso ieri a Pompei un accordo istituzionale con le parti sociali (Confesercenti e associazione Difendiamo Pompei) per la limitazione del traffico in due strade del Centro Storico. Iniziativa che dovrebbe favorire bar e ristoranti nel recuperare all’esterno spazi commerciali che saranno sottratti dalle sale interne a causa delle norme sul distanziamento dei tavoli imposto dalle nuove norme per contrastare la diffusione del Coronavirus.

Nella sostanza sarebbe pedonalizzato il tratto di via Sacra, che parte dall’incrocio con via San Giuseppe e via Ospizio, fino a Piazza Bartolo Longo; mentre il tratto di via Roma (dal Santuario a piazza Anfiteatro) diventerebbe a senso unico nella direzione est – ovest della città.

L’iniziativa punta ad allentare il flusso veicolare del traffico in questi tratti di strada allo scopo di avviare un processo di completa pedonalizzazione del centro storico. Di questo progetto,a Pompei se ne parla, a più riprese, da una ventina d’anni. Nel caso di specie è stata valutata favorevolmente la possibilità di consentire, in via sperimentale, l’installazione di pedane negli spazi degli stalli di parcheggio nei due tratti di strada interessati dall’intervento urbanistico. Precedentemente (nel corso dell’Amministrazione Uliano) detta misura era stata scartata a seguito dell’esame del progetto della Polizia Municipale, che ravvisava motivi di pericolo e di contrasto con il codice della strada. Ora il vento pare sia cambiato e, come a volte capita di osservare, si riesce a realizzare più facilmente un intervento di trasformazione sotto gestione commissariale che sotto la direzione politica.

Da segnalare il contributo del direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, prof. Massimo Osanna, che ha annunciato in video conferenza l’illuminazione degli Scavi lungo tutto il tratto di via Roma (che dovrebbe diventare a senso unico), offrendo la vista di un paesaggio di grande valore e intensità alla passeggiata lungo la strada del centro storico della Pompei Moderna, a maggiore presenza di negozi ed esercizi pubblici.

Iniziativa che ha indotto dichiarazioni di consenso e apprezzamento (specie nei confronti del commissario prefettizio Santi Giuffré) da parte del rappresentante sindacale di Confesercenti, Gianluca Machetti che ha avviato i tavoli di concertazione. Machetti, nello specifico, ha sottolineato l’approfondimento e la professionalità del Commissario Prefettizio che in precedenti interventi amministrativi aveva incassato minori consensi dall’opinione pubblica pompeiana.

Riguardo al Santuario di Pompei, l’architetto Varone avrebbe espresso, nell’incontro, qualche riserva relativamente all’ingresso nel centro dei bus di pellegrini diretti al parcheggio del Santuario.