La festa si avvicina e con essa pranzi e cenoni da predisporre: una bella fonte di stress, tra la lista degli invitati e il menu, e il pensiero di come decorare la tavola. Quando poi si ha poco tempo a disposizione, arriva l’ansia da preparativi: ecco come superarla.

Cercate di fare in anticipo tutto ciò che è possibile, in modo da lasciare il minimo indispensabile per la mattina di Natale, e arrivare così al momento del pranzo rilassati e pronti a intrattenere gli ospiti.

Una settimana prima…

Fate la lista delle cose da fare, e fatela per iscritto, in modo da poterla spuntare senza dimenticare niente. Delegate, se possibile: non è scritto da nessuna parte che dobbiate organizzare per parenti, genitori, zii e cugini tutto da soli. Basta che qualcuno porti un contorno o un altro piatto, e avrete meno cose di cui preoccuparvi. Decidete il menu quando siete sicuri del numero degli invitati, in modo da predisporre pietanze adatte a una più o meno numerosa compagnia. Potete optare per un menu tradizionale o per uno più innovativo: l’importante è selezionare una serie di ricette collaudate, non è il momento di sperimentare. Se siete in tanti, scegliete pietanze che possano essere cucinate il giorno prima e ripassate in forno all’ultimo momento. Una volta deciso cosa preparerete, compilate una lista della spesa ragionata con tutti gli ingredienti, anche i più banali. Raggruppateli in modo da avere un gruppo di elementi non deperibili (farina, spezie, frutta secca, vino e bevande, etc.) e uno di freschi. Non dimenticate di controllare la vostra dispensa: spesso diamo per scontati alimenti come sale, pepe, zucchero, caffè, pangrattato, limone, aglio, cipolla e via dicendo: pensate che tragedia scoprire di avere in casa la radice di zenzero fresca biologica ma aver finito il caffè. Decidete quale tovaglia, piatti, bicchieri e posate userete, e controllate che siano in ordine.

Giorni prima

Se tra gli antipasti avete previsto vol-au-vent, piccoli gusci di pasta sfoglia o bignè da riempire, potete prepararli in anticipo, farli raffreddare e infine surgelarli negli appositi sacchetti. Li scongelerete la mattina di Natale per poi passarli qualche minuto in forno a dorare e infine farcirli. Se pensate di servire pietanze di carne con salsa, cucinatele pure in anticipo, ma congelate carne e salsa separatamente, a meno che la salsa non contenga panna (allora non può essere congelata perché il cambiamento di temperatura altererebbe la sua composizione). Biscotti secchi, mousse oppure impasti per le torte possono tutti essere congelati. Bene anche una torta al cioccolato o un cheesecake (senza cottura): niente da fare invece se il dolce contiene crema pasticcera o crema inglese.

Il giorno prima

Acquistate 6-8 arance, scegliendole con le foglie ancora attaccate al picciolo. Infilate nella buccia chiodi di garofano, creando dei disegni a vostro piacimento, e lasciatele su piccoli piatti in ingresso, in salotto e in sala da pranzo. Profumeranno l’aria e daranno un tocco raffinato e festivo alla vostra casa. Vi conviene apparecchiare e decorare la tavola di Natale la sera prima, così da non dovervene occupare il giorno dopo. Se nel vostro menu ci sono agnolotti o tortellini in brodo, preparate il brodo il giorno precedente, così da lasciarlo raffreddare e sgrassarlo con la schiumarola il giorno seguente, quando vi basterà scaldarlo. Pensate al vostro menu in stile masterchef: giocate a fare i sous chef di voi stessi e preparate “la linea” in anticipo, ovvero tagliate il tagliabile, porzionate il porzionabile e affettate l'affettabile, mettete nei sacchetti ermetici e conservate in frigorifero per il giorno dopo. Vi divertirete ad assemblare i vostri piatti e farete molto più in fretta, oltretutto sporcando meno la cucina (un punto da tenere bene in mente).