Facebook utilizzerà l’intelligenza artificiale per identificare i profili delle persone defunte. La notizia è stata pubblicata oggi attraverso un post ufficiale.

L’obiettivo è quello di evitare di notificare agli amici il giorno del compleanno di chi non c’è più. La nuova funzionalità, in realtà, è un aggiornamento della gestione dei profili dei defunti diventati commemorativi.

"Oltre 30 milioni di persone visualizzano ogni mese profili commemorativi per pubblicare storie e ricordare coloro che sono morti", ha affermato Sheryl Sandberg, la direttrice operativa di Facebook che ha perso il marito nel 2015. La novità è che sui profili commemorativi sarà introdotta una sezione dedicata a pensieri, ricordi e foto condivise da amici e parenti.

Inoltre, Facebook fornirà maggiori opportunità di gestione a chi ha ricevuto in eredità un profilo sul social. Chi è stato indicato come gestore del profilo di una persona dopo la sua morte, potrà decidere chi può pubblicare e chi può visualizzare i post, in modo da tutelare i parenti e gli amici più stretti dall'imbattersi in contenuti che non sono pronti a guardare.

Per ridurre le esperienze dolorose ai cari del defunto, Facebook utilizzerà l'intelligenza artificiale per evitare notifiche relative all'account di una persona scomparsa che non è ancora stato reso commemorativo.

Solo gli amici e i parenti potranno richiedere la trasformazione del profilo in commemorativo. Infine, sempre in seguito ad un aggiornamento, i genitori dei minorenni, a cui non è possibile lasciare in eredità il profilo, potranno chiedere la gestione dell'account del figlio.