A cura della Redazione
Manifestazione dei cittadini di Genova contro i ritardi per la ricostruzione del ponte

"Liberate la Valpolcevera" è lo slogan con cui i commercianti e i cittadini della Valpolcevera, messi in ginocchio dal crollo del ponte Morandi, manifestano per chiedere interventi per far riprendere la 'vita' nella zona.

Lo slogan è scritto su uno striscione che apre il corteo. Alla manifestazione, la prima dei cittadini dal giorno del crollo (14 agosto, 43 morti), partecipa anche una delegazione di sfollati. I manifestanti sfileranno nel centro di Genova con tappe davanti alla Regione e alla prefettura.

Gli abitanti della Valpolcevera chiedono con altri striscioni la riapertura delle strade, il potenziamento dei servizi sanitari e la difesa del lavoro. "Oltre il ponte c'e la voglia di ripartire ed avere risposte concrete" dicono dal megafono gli organizzatori. mentre uno dei cori è: "Bucci aprici le strade".  Una delegazione di abitanti e di sfollati ha incontrato il governatore e commissario all'emergenza Giovanni Toti e il sindaco-commissario alla ricostruzione Marco Bucci. Toti e Bucci sono arrivati dalla Prefettura dove hanno incontrato il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e la commissaria europea Violeta Bulc. All'arrivo dei commissari i manifestanti, in attesa da circa un'ora in piazza De Ferrari, hanno urlato "Risposte, Risposte". "Se non le avremo tra un mese siamo pronti a tornare in piazza e a bloccare la città". Il sindaco ha provato a tranquillizzarli: "Gli sfollati sono la nostra priorità numero uno, il nostro obiettivo è farli tornare nelle loro case al più presto per recuperare i loro oggetti personali, ma la nostra attenzione è per tutta la Valpolcevera". Ma oggi è dilagante il malumore tra i cittadini: "Molte delle aspettative che avevamo sono rimaste deluse, ma più che per la cattiva volontà si è percepita una forma di impotenza rispetto a quello che è il divenire della situazione, per i tempi della giustizia, delle procedure", dicono. E arrivano i primi fischi.