A cura di Mario Cardone

Diversi gruppi associativi di Pompei (nella maggior parte giovani) il 4 ottobre scorso hanno formato, presso il centro sociale Pompeilab, un comitato di volontariato politico denominato "Pompei dice no".

Intende promuovere e spiegare ai pompeiani (e non) le ragioni del "no" alla consultazione referendaria sulle modifiche costituzionali, in programma il prossimo 4 dicembre.

L’iniziativa prevede le seguenti attività da parte dei promotori:  sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul territorio comunale e sui media, volantinaggio ed affissione di manifesti, incontri e dibattiti, produzioni culturali.

A questo scopo i componenti del comitato intendono promuovere ogni iniziativa utile e necessaria a sostenere le ragioni del "no". L’iniziativa è aperta a tutti coloro che hanno intenzione di aderirvi formalmente firmando il regolamento interno.

Alla data della costituzione del comitato è stato anche nominato il suo presidente nella persona di Francesco Somma (studente universitario, già presidente del Forum dei Giovani) che lo rappresenterà nei rapporti con i terzi, mentre competerà all'assemblea dei soci fondatori e sostenitori l'organizzazione delle iniziative e la direzione interna.

La sede del comitato è stata individuata presso il PompeiLab. Vi hanno aderito, oltre allo stesso centro sociale dell’ex depuratore di via Astolelle, La Rete della Conoscenza Pompei (organizzazione a sua volta generata dall’Unione degli Studenti e il sindacato studentesco Link), L'Unione degli studenti Pompei, l'Unione degli studenti della Campania e Il comitato per l'acqua pubblica di Pompei.

Attualmente sono esclusivamente le associazioni a prevalente formazione giovanile (a parte il comitato dell’acqua pubblica) che si stanno mobilitando, a Pompei, per il dibattito sul quesito referendario di cambiamento della Costituzione relativamente agli organismi nazionali legiferanti e di indirizzo governativo. Al contrario, non si conoscono iniziative da parte di partiti politici o associazioni territoriali di altra natura.

twitter: @MarioCardone2  

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook