A cura di Mario Cardone

Stanno per essere completati i lavori pubblici per la realizzazione della rete fognaria lungo via Plinio. Insieme agli stessi dovrebbero diminuire i disagi per l’intenso traffico lungo un’arteria molto importante perché collega i Comuni vesuviani con l’area sarnese, interessando anche i flussi di visitatori diretti agli Scavi ed al Santuario della Madonna del Rosario.

Dovrebbero anche finire, così, gli allagamenti a Porta Marina Inferiore dove nei periodi di forti piogge i turisti diretti al sito archeologico (ingresso di Porta Marina Superiore) sono costretti all’attraversamento di un tratto dove l’acqua arriva fino al polpaccio.

Una vera e propria vergogna per il complesso turistico pompeiano, che ora parla di sistemi di collegamento sofisticati mentre fino all’anno scorso era necessaria la... zattera per arrivare negli Scavi nei giorni di pioggia.

Finalmente il completamento della rete fognaria sarebbe arrivato a regime anche con la costruzione del collettore di via Astolelle progettato per il convogliamento a mare di tutte le acque pluviali che interessano il territorio pompeiano.

I lavori in questione rappresentano il completamento delle opere pubbliche che hanno riguardato gli interventi di bonifica del fiume Sarno, dove si sono spesi molti soldi ma non si sono visti ancora altrettanti benefici se è vero che il fiume è sempre inquinato, che gli allagamenti persistono. Tanto è vero che è stato progettato di raddoppiare la foce per dare più sfogo a mare alla maggiore portata che assume il fiume durante i periodi di piena.

Inoltre è un problema ancora irrisolto il fatto che con le prime piogge si blocca il traffico a Pompei a causa degli allagamenti in interi quartieri come quelli di via Fontanelle, via Nolana e di via Molinelle.

twitter: @MarioCardone2 

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook