A cura di Mario Cardone

Ha sorpreso positivamente l’opinione pubblica pompeiana lo spirito di collaborazione che ha caratterizzato il tavolo di lavoro della VII Commissione del Senato che si è riunita il 7 settembre presso l’Auditorium del Parco Archeologico degli Scavi di Pompei.

Il fatto poi che l’argomento all’ordine del giorno fosse l’aggiornamento dei senatori sulle iniziative di restauro e di valorizzazione di Pompei Antica, suscita l’approvazione generale perché la cultura, diversamente da prima, è di nuovo considerata volano strategico di sviluppo per l’economia e la crescita sociale. Dopo la visita al sito archeologico e l’aggiornamento sullo stato dei lavori del Grande Progetto Pompei (GPP), le conclusioni della Commissione sono state affidate al suo presidente, il senatore Andrea Marcucci, che ha riconosciuto pubblicamente il contributo propositivo al dibattito sia dei colleghi di maggioranza che di quelli di opposizione.

L’obiettivo è quello di valorizzare l’immagine del famoso monumento archeologico pompeiano che, grazie ai risultati lusinghieri raggiunti con le opere pubbliche di restauro, sta incassando l’apprezzamento dei maggiori tour operatori internazionali e il premio di milioni di visitatori con incrementi a due cifre percentuali rispetto alle statistiche degli anni precedenti.

E’ quanto implicitamente ha riconosciuto con il suo intervento la senatrice Michela Montevecchi, che non ha mancato di fornire il suo pungolo critico ma nel contempo ha ringraziato il collega presidente per il riconoscimento del contributo delle minoranze al dibattito in termini di valorizzazione della cultura archeologica, con specifico riguardo ai restauri in corso con finanziamenti statali e comunitari negli scavi di Pompei.

Altri argomenti di conoscenza e dibattito riguardano il progetto hub ferroviario, che appare al momento fermo mentre si attende di decidere tra l’opzione ferroviaria o intermodale. Sul piano operativo è stata recepita favorevolmente l’esigenza palesata dal direttore generale Massimo Osanna riguardo ai prossimi tagli di organici nei settori tecnici (architetti ed archeologi) a seguito della naturale scadenza dei contratti a termine dei professionisti della segreteria tecnica e dello staff del direttore generale del Gpp, Luigi Curatoli. Su questo ultimo punto è da sottolineare l’impegno assicurato dal presidente Marcucci - e dalla totalità dei senatori della VII Commissione - di proporre lo stanziamento nella prossima Finanziaria dei fondi necessari ai rinnovi dei contratti in scadenza.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook