A cura di Mario Cardone

I carabinieri della caserma di Pompei, diretta dal maresciallo Tommaso Canino, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata nei confronti di Antonino Cafiero, 26 anni, figlio di un affiliato al clan dei Cesarano.

Il giovane deve sontare un residuo di pena di 4 mesi per un reato commesso a Castellammare di Stabia nel febbraio 2013.

Antonino, insieme al fratello, fu arrestato dai carabinieri stabiesi perché sorpresi, insieme ad un terzo uomo, ad entrare in un edificio con il volto coperto da passamontagna ed armati di bastone. Allrtati da alcuni passanti, i militari intervennero in vico Macello riuscendo a bloccare i due nonostante avessero tentato la fuga. Il terzo uomo riucì invece a scappare.

Nel corso di una perquisizione, furono poi trovati in possesso di una mazza da baseball, due pistole a salve prive di tappo rosso, un coltello da cucina e tre maschere di Carnevale.

Successivamente, i militari scoprirono che la Renault Modus da cui erano scesi i tre, era stata rubata alcuni giorni prima a Pompei. Per tali reati Antonino Cafiero fu condannato alla pena di 8 mesi di reclusione. E' stato sottoposto ai domiciliari dove dovrà scontare la parte restante di 4 mesi.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook