A cura di Mario Cardone

E’ pervenuta al Comune di Pompei una nuova lagnanza delle famiglie delle scolaresche che riguarda in prima persona l’assessors Pasqualina Dentino, delegata alla pubblica istruzione, edilizia scolastica, pari opportunità, politiche per la famiglia, manutenzione aree pubbliche, trasparenza e anticorruzione.

Continua l’emergenza nelle scuole. Per questo motivo il M5S di Pompei ha scritto al sindaco Pietro Amitrano una lettera aperta per richiedere il suo personale intervento, considerato anche che la Dentino non sarebbe mai reperibile. Difatti da tempo si parla della sua sostituzione e il consigliere comunale Mazzetti, esasperato nei suoi confronti (per analoghi motivi), si è visto costretto a cambiare gruppo consiliare.

«Egregio sindaco, alcuni genitori dei bambini che frequentano la scuola materna Amedeo Maiuri (in via Nolana, area Palazzine Ina Casa, ndr) ci riferiscono che da settimane piove letteralmente all'interno di una classe e nel corridoio principale dell'istituto - scrivono gli attivisti grillini -. Nonostante i ripetuti solleciti delle mamme, anche in forma ufficiale, non sono stati presi ancora provvedimenti per la messa in sicurezza. Auspichiamo un suo diretto intervento per un’immediata risoluzione della criticità. I bambini sono il nostro futuro e per questo motivo tutti dobbiamo impegnarci per la loro tutela».

La nota del M5S fa anche notare che il vigente piano triennale dei lavori pubblici 2017-2019 contempla un importo totale di 8.811.863 euro per opere infrastrutturali, ma solo 150.000 sono destinati all’edilizia scolastica. Cifra risibile anche tenendo conto del precario stato delle finanze comunali e che dovrebbe essere urgentemente elevata considerando lo stato di profonda precarietà delle scuole di Pompei.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook