A cura di Mario Cardone

Nel rispetto nei confronti degli ospiti della Casa di Riposo "Carmine Borrelli" di Pompei e dei dipendenti della società Aspide, che la gestisce, nonché verso le tante famiglie vittime per un motivo o per l’altro della triste vicenda che ha portato recentemente il Consiglio comunale a decretarne la chiusura con il licenziamento in tronco del personale dipendente, la lista civica “Programmiamo Pompei” - per voce del suo delegato Alfonso Carotenuto - si unisce ai consiglieri di minoranza nell’avanzare la richiesta di istituzione di una commissione consiliare speciale d’inchiesta sulla vicenda della gestione Aspide/Ospizio.

Lo scopo è di fare chiarezza sull'intera vicenda entro tre mesi dalla sua istituzione, prospettando, se del caso, la soluzione della riapertura della struttura, sotto una nuova forma di gestione e individuando i responsabili dell’attuale situazione di crisi finanziaria.

La richiesta di chiarezza sulla crisi della Casa di Riposo Borrelli formulata da “Programmiamo Pompei” si aggiunge a quella, di pari contenuto, avanzata in consiglio comunale da Alfonso Conforti a nome della minoranza, e alle dichiarazioni sui social della senatrice pentastellata Virginia La Mura.

Ora, se da un lato abbiamo colto dai commenti ufficiali e dallo svolgimento dell’ultimo Consiglio comunale la buona volontà del sindaco Amitrano e della sua amministrazione di tutelare al meglio possibile ospiti e lavoratori della Casa di Riposo, sul versante opposto non sembra ci sia alcuna disponibilità a fare chiarezza sul passato e sul perché si giunti a questo punto. Tutto ciò per il semplice motivo che a Pompei ci sono state sempre Amministrazioni (compresa quella capeggiata da Amitrano) costituite col sistema della "ammucchiata" che ha teso esclusivamente al controllo e spoliazione del Palazzo. Lo sfascio della residenza per anziani non è che una parte minimale di quello generale che si sta progressivamente profilando come conseguenza di questo stato di cose, che ora richiede necessariamente da parte di tutti i politici di Palazzo la massima omertà. 

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook