A cura di Mario Cardone

Nonostante l’emergenza coronavirus, i delinquenti non restano a casa, anzi approfittano dell’assenza di turisti agli scavi archeologici per portare a termine un colpo.

Erano le prime luci dell’alba, intorno alle 4 di stamattina, quando malviventi hanno tentato di estrarre la cassa bancomat posta all’ingresso del Parco Archeologico di Pompei di Porta Anfiteatro.

Fortunatamente il colpo non è andato a segno per l’intervento di una pattuglia della polizia e di due custodi che hanno messo in fuga i malviventi. Questi, alla loro vista, sono scappati con un’auto parcheggiata davanti al cancello d’ingresso, mentre abbandonavano il furgone Peugeot che avrebbe dovuto sradicare il bancomat posto all’interno dell’emiciclo di Piazza Anfiteatro

Nel frattempo gli agenti avviavano le prime indagini. Secondo una prima ricostruzione, i rapinatori erano entrati dal cancello centrale dell’ingresso, recidendo  la catena di chiusura e spostando la fioriera esterna. Gli stessi poliziotti informavano l’Istituto di credito che gestisce il bancomat e sequestravano il  furgone con cui era stato tentato il colpo.