A cura di Mario Cardone

Saranno non più 12 ma 20 i giorni all’anno in cui sarà possibile l’ingresso gratuito nel Parco archeologico di Pompei e degli altri siti archeologici vesuviani.

Nello stesso tempo la gratuità della visita sarà uno strumento promozionale a disposizione del direttore del Parco Archeologico di Pompei e di tutti i musei statali italiani. “Oltre ai 12 giorni all’anno, già previsti, sarà fissata dal Ministeri dei Beni Culturali e del Turismo una settimana aggiuntiva di visita ad ingresso gratuito che partirà dal 5 al 10 marzo di ogni anno”.

Lo ha fatto sapere, recentemente, il titolare del Mibac Alberto Bonisoli, che ha annunciato anche l’istituzione di un sito web dedicato che informerà sui giorni di gratuità di visita per ogni museo statale.

La novità dell’iniziativa sta nella flessibilità dello strumento promozionale. In altre parole finisce l’obbligatorietà (per i direttori dei Musei) di concedere la visita gratuita in determinati giorni dell’anno. I direttori di Museo e di Parchi Archeologici (come Pompei ed Ercolano) avranno la discrezionalità nello strumento di gestione della gratuità che viene messo a loro disposizione al fine dell’utilizzo nel modo migliore, in una strategia studiata sulla base degli interessi economici e culturali del territorio. Per esempio i direttori di musei statali di singole città (come gli Scavi di Pompei) potranno prendere accordi con i sindaci per inserire la visita in un pacchetto integrato di proposte di offerta turistica.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook