A cura di Mario Cardone

Venerdì scorso sono ripresi, a Pompei, i lavori di ristrutturazione di piazza Schettini, con una la variante al progetto originario.

Il cantiere, infatti, era rimasto fermo qualche mese perché nel progetto non era stata previsto l’abbattimento dei bagni pubblici (che peraltro non hanno mai funzionato) e quello di un terrapieno nella parte centrale della piazza.

Si riparte, quindi, verso la conclusione dei lavori che puntano a trasformare la piazza da centro commerciale all’aperto (che non ha mai funzionato) ad area parcheggi, utilizzabile anche come spazio pubblico per eventi e manifestazioni autorizzate dal comune di Pompei. Successivamente dovrebbero partire, con un nuovo appalto, i lavori per la risistemazione dell’adiacente “Fonte Salutare”, un tempo rinomata per lo zampillo di acqua carbonica che serviva anche l’annessa stazione termale sita nello storico Palazzo de Fusco, ora sede del Municipio di Pompei.

Nella programmazione dei lavori è prevista la cura delle aree a verde, la sistemazione dello spazio dedicato ai giochi per i bambini, il campo di bocce per gli anziani e quant’altro per creare l’ambientazione di una vera e propria villa comunale. Detto spazio comunale dovrebbe essere separato da piazza Schettini da una recinzione mobile in modo da metterlo in sicurezza nelle ore notturne e creare spazi più ampi in caso di necessità di manifestazioni pubbliche più impegnative per il tipo dell’iniziativa e il numero dei partecipanti.