A cura di Vincenzo Marasco

La Villa "A" di Oplontis, cosiddetta di Poppea, per una notte rievoca gli antichi spiriti del suo tempo, quando le stirpi patrizie romane la ravvivavano con sfarzo e mondanità.

Gli attori della Scabec, con una eccellente esibizione, la cui trama è stata perfettamente amalgamata tra un presente non troppo presente, e un passato a tanti ben noto, hanno rianimato le follie dell'imperatore Nerone tra i suggestivi ambienti della Villa, accompagnando i visitatori alla riscoperta di un viaggio insolito, emozionale ma nel contempo drammatico.

Presenti alla prima di questa serie di appuntamenti il Soprintendente del Parco Archeologico di Pompei, prof. Massimo Osanna, la direttrice del sito Archeologico di Oplontis, arch. Immacolata Bergamasco, il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione, e i rappresentati delle Associazioni di Torre Annunziata che durante gli ultimi mesi hanno collaborato in modo sinergico con la direzione del sito archeologico oplontino e la Soprintendenza, quali l'Archeoclub "Mario Prosperi", il Centro Studi Storici "Nicolò d'Alagno", l'AreVOD e il Gruppo Storico Oplontino, invitati a presenziare alla prima di questo evento dalla direzione del Parco Archeologico di Pompei.

Durante il discorso di apertura le Associazioni hanno avuto il plauso da parte del sindaco della città di Torre Annunziata e del Soprintendente Massimo Osanna per il servizio prestato e per la disinteressata e qualificata attività di promozione che svolgono a favore del territorio e del sito archeologico.

Gli appuntamenti, parte del programma di "Campania by night" organizzati e promosso dalla Scabec, società campana beni culturali, in collaborazione con il MIBACT, in accordo con la Regione Campania, la Direzione del Parco Archeologico di Pompei e il Comune di Torre Annunziata, continueranno anche nei giorni 6, 12 e 13 ottobre a partire dalle ore 19.45.