A cura di Mario Cardone

La “Festa dei Musei” a Pompei vale il doppio perché viene offerta una doppia opportunità per i visitatori del Parco archeologico. Con la spesa di solo 1 euro potranno accedere al sito sia dall’ingresso di Piazza Anfiteatro che da quello di Porta Marina, acquistando il biglietto unico per entrambi gli itinerari.

Di fatti da Piazza Anfiteatro sarà possibile visitare presso la Palestra Grande l’allestimento dei reperti provenienti dalla località Moregine, una scelta di pezzi organici dell’area Vesuviana, e la mostra “Vanity: storie di gioielli dalle Cicladi a Pompei”, dove sono esposti, in un elegante percorso di stili e civiltà, monili provenienti da Delos e dalle altre Cicladi, accanto a gioielli rinvenuti nei siti archeologici vesuviani.

Invece, partendo dall’ingresso di Porta Marina, si potrà accedere all’Antiquarium, edificio dell’’800 che ospita mostre temporanee quali “Alla ricerca di Stabiae” e “Tesori sotto i lapilli”, oltre alla mostra permanente al piano terra “Sacra Pompeiana”, dedicata ai santuari urbani ed extraurbani.

La visita si concluderà in alcuni ambienti della Villa Imperiale dove sono allestiti ricostruzioni di arredi e oggetti d’uso.

La “Festa dei Musei” vela anche per i cosiddetti siti archeologici vesuviani minori dove, a parte Pompei, Il 18 maggio, nell’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, le aree archeologiche di Villa San Marco a Stabia, Villa di Poppea ad Oplontis e l’Antiquarium di Boscoreale con la mostra del “ villaggio protostorico di Longola” resteranno aperti durante la “Notte Europea dei Musei” sempre con ingresso a 1 euro (gratuito a Stabia).