A cura di Mario Cardone

Cambio in giunta al Comune di Pompei. Al posto dell’assessore Annalisa Ramunno (che ha presentato le sue dimissioni al sindaco Pietro Amitrano) entra nella compagine amministrativa Pio Manzo. Eredita le medesime deleghe (formazione professionale, protezione civile, qualità della vita, attuazione del programma amministrativo, cultura e beni culturali).

Il neo assessore è un borsista universitario di 36 anni. E’ un esperto nelle discipline archivistiche e librarie e in questa veste ha già collaborato (direttamente o indirettamente) con il Comune di Pompei ed era in questo periodo impegnato nella riapertura della biblioteca comunale per cui prosegue in piena continuità il lavoro avviato dalla sua predecessore Ramunno.

Altra iniziativa che farà capo a lui sarà la costituzione di una rete delle associazioni del territorio con particolare riferimento al segmento giovanile.

Sul piano politico, l’avvicendamento in giunta dell’assessore di riferimento del consigliere comunale Mario Estatico rientra nel quadro del maggiore impulso che ha conferito alla sua iniziativa che ha riferimenti ben precisi sia a livello locale che su piani superiori ispirati alla giovane formazione “Italia Viva” fondata da Matteo Renzi (come riferisce lo stesso Estatico), supportato da un gruppo consistente di simpatizzanti e attivisti pompeiani.

La scelta politica di Estatico mira (come il medesimo ha dichiarato) ad esternare le potenzialità di una città di fama internazionale come Pompei in termini di opportunità economiche e di lavoro legate ai due grandi attrattori turistici: il parco archeologico e il Santuario Mariano.