A cura di Domenico Gagliardi

Apertura straordinaria dei siti archeologici vesuviani nella giornata dell'1 maggio.

Martedì saranno visitabili - agli orari e tariffe ordinari - gli Scavi di Pompei, Oplontis, Stabiae, l'Antiquarium di Boscoreale e il sito di Ercolano.

Intanto è boom di turisti nei primi tre mesi del 2018. Da gennaio a marzo, infatti, a Pompei, Torre Annunziata, Castellammare e Boscoreale (i siti su cui ha competenza la Soprintendenza di Pompei, con Ercolano che invece ha una sua struttura apicale autonoma di riferimento), sono stati registrati 465.816 ingressi a fronte dei 408.644 dello stesso periodo del 2017. Un incremento quindi di 57.172 visitatori.

Pompei cresce in maniera smisurata, toccando l'apice a marzo con circa 225mila visite (nel 2017 erano state poco più di 190mila). In tre mesi sono stati staccati ben 442mila 611 biglietti. Sostanzialmente positivo il trend anche negli altri complessi archeologici. Oplontis registra circa 1.000 visitatori in più nel primo trimestre 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. Bene anche Boscoreale, con +745 ingressi. In controtendenza i dati dell'Antica Stabia e le sue ville: -329 visitatori.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook