A cura di Antonio Gagliardi

Lutto al comune di Torre Annunziata: è venuta a mancare ieri Rosa Giglio, 60 anni, dipendente comunale e segretaria delle Commissioni consiliari.

Conoscevo Rosa da quasi venticinque anni, da quando nel lontano 1995 fui eletto consigliere comunale. Una donna amica di tutti, politici e colleghi di lavoro. Sempre allegra, vivace, dedita al lavoro come pochi. L’ho apprezzata in tutte le mansioni che ha svolto negli ultimi due decenni. Dall’Ufficio monitoraggio legislativo a quello del Difensore civico, fino ad assumere il gravoso compito di segretaria delle Commissioni consiliari.

Pochi mesi fa Rosa ha scoperto di essere gravemente malata, ma la trovavi sempre lì, dietro la scrivania a verbalizzare le riunioni delle Commissioni. «Qui mi distraggo un po’ – diceva – e poi io caratterialmente sono forte. Vedrete sconfiggerò questa brutta malattia».

Il suo modo di fare era straordinario. Chiunque al suo posto si sarebbe abbattuto, lei invece no. Guardava al futuro con ottimismo. «La vita va vissuta giorno dopo giorno. Vedi – mi diceva –, oggi è una bella giornata. Io la vivrò intensamente pensando che ce ne saranno tante altre da trascorrere con la mia famiglia e le mie due nipotine. Questo male non avrà il sopravvento su di me, lo prometto».

Ha combattuto con tutte le sue forze, ha resistito caparbiamente alle sofferenze, fino all’ultimo ha creduto e sperato di sconfiggere il male insinuato nel suo corpo, ma alla fine non ce l’ha fatta. Non tutte le promesse si possono mantenere.

Addio cara Rosa, lasci un grande vuoto tra tutti quelli che ti hanno conosciuta. L’amore per gli altri e la purezza dei tuoi sentimenti, simboli dei fiori (rosa e giglio) che hanno caratterizzato la tua vita sin dalla nascita, rimarranno per sempre tra noi.

Le esequie si svolgeranno lunedì 6 gennaio, alle ore 10,00, presso la chiesa del Sacro Cuore in via XXIV Maggio a Torre Annunziata. 

La Redazione di torresette.news partecipa al dolore dei familiari, del marito Salvatore Zeccato e dei figli Pietro e Giovanni, per la perdita della cara amica Rosa.