A cura di Giuseppe Chervino

«Stasera è stato difficile, tremendamente difficile salire sul palco e recitare. La tragedia che si è consumata oggi pomeriggio sulla nostra spiaggia ha colpito profondamente tutti noi». Vincenzo Genovese parla con evidente commozione subito dopo la messa in scena della commedia “La fortuna con l’effe maiuscola” da parte della compagnia “’A fenesta d’ ‘a Torre” di Torre Annunziata.

Tutto il teatro San Francesco di Scafati, prima e dopo la rappresentazione con la guida spirituale di Padre Elio, parroco della chiesa San Michele di Rovigliano, si è raccolto in preghiera per la piccola Vittoria che un crudele, terribile destino ha sottratto in maniera così atroce ai suoi familiari e a tutta la comunità torrese.

Per il ritorno in scena, dopo più di due anni di stop forzato, Vincenzo Genovese, attore, regista e cuore pulsante della compagnia oplontina, ha scelto un testo scritto a quattro mani da Eduardo De Filippo e Armando Curcio nel 1942.

La storia si svolge in un autentico tugurio di casa napoletana dove fa così freddo che “i vetri si appannano da fuori” e dove la lotta quotidiana contro la miseria assume accenti comici paradossali come la caccia alle briciole di pane o alle ultime gocce delle bottigliette di medicine. In questo contesto di sfida continua per la sopravvivenza, si materializza un evento fortunato in grado di cambiare radicalmente l’esistenza di una famiglia di “morti di fame”.

La regia di Genovese è riuscita a conferire al racconto il giusto equilibrio tra divertimento ed emozione, paradossale e pragmatismo. La recitazione, modulata ed armonica, non è mai caduta nella trappola della “macchietta”. Tutti i personaggi hanno contribuito a conferire il ritmo adeguato alla narrazione. Elementi che sono arrivati forti e chiari nell’affollatissima platea.

«Portare tanta gente in un teatro al chiuso l’11 giugno – ha sottolineato Vincenzo Genovese - è vero un motivo di orgoglio per noi. La pandemia ci ha costretto a fermare la nostra attività e, sinceramente, non vedevamo l’ora di tornare in scena. E’ stata un'emozione stupenda che solo la magia del Teatro ti può dare. Voglio ringraziare tutti i componenti della mia compagnia teatrale e anche tutti i gli amici/colleghi di altri team artistici che hanno partecipato al lavoro». Una dimostrazione di integrazione, fratellanza, solidarietà, affiatamento davvero straordinaria.

In “La fortuna con l’effe maiuscola”, commedia in tre atti di Eduardo De Filippo e Armando Curcio, hanno recitato: Raffaele Franza, Vincenzo Genovese, Maria La Rocca, Roberta De Caro, Silvio Farina, Carmela Di Maio, Maria Salvatore, Luciano La Rocca, Mariarosaria Cutolo, Carolina Raiola, Martina Caso, Raffaele Izzo, Ciro Chervino e Gianluca Ambruoso. Regia di Vincenzo Genovese.