A cura di Antonio Gagliardi

Trova un portafoglio con soldi e documenti personali, posta la foto su facebook e lo restituisce al legittimo proprietario.

È accaduto ieri a Torre Annunziata. Un giovane, Gennaro A., mentre passeggia per via Vittorio Veneto nei pressi del Bar della Palma nota a terra un portafoglio. Si inchina, lo raccoglie, guarda il suo contenuto, lo mette in tasca e si avvia a casa. Il suo primo pensiero è quello di restituirlo al proprietario, cosi scatta una foto del portafoglio e della patente di guida, poi pubblica un post su facebook. “Buongiorno a tutti – scrive Gennaro -. Poco fa ho trovato questo portafoglio zona bar delle Palma con documenti carte e contanti. Il signore come si vede dalla foto si chiama Pasquale S. Mi contatti”.

Gennaro viene contattato da Pasquale. I due si incontrano per la restituzione del portafoglio. Pasquale non riesce a credere ai propri occhi: il portafoglio che credeva di aver smarrito definitivamente è lì davanti ai suoi occhi. Ringrazia affettuosamente Gennaro per il bel gesto e lo fa anche attraverso un post su facebook: “Questa mattina, tra le tante cose che accadono a tutti noi quotidianamente, mi è capitato di perdere inavvertitamente il portafogli a via Vittorio Veneto all’altezza del Bar della Palma. È praticamente scivolato dalla mia tasca, ahimè, tasca di dietro pieno di tutte le mie cose.  C’erano tutti i documenti: patente, bancomat, carte di credito, carte prepagate ed inoltre soldi contanti. Un ragazzo però lo ha rinvenuto e ha pubblicato immediatamente un post su facebook. Mi cercava. Si può immaginare la mia sorpresa quando ho letto il post. Cosi ci siamo incontrati e mi ha consegnato il portafogli con tutte le mie cose dentro”.

Ad entrambi i post pubblicati, decine e decine di messaggi di compiacimento per il bel gesto di Gennaro. Un gesto che nella realtà in cui viviamo è una rarità e forse proprio per questo maggiormente apprezzato. Un gesto che riconcilia il genere umano con i bei valori, quelli che il poeta Guido Guinizelli (seconda metà del XIII Secolo) espimeva in pochi versi: "A cuor gentile reimpara sempre amore..." (Nel cuore nobile l’amore trova sempre riparo).