A cura di Domenico Gagliardi

Asilo nido, voucher mamme, assistenza ed inclusione sociale di anziani e disabili, centri di ascolto per famiglie e donne vittime di violenza. Intervista a tutto tondo all'assessore alle Politiche Sociali del comune di Torre Annunziata, Stefano Mariano. Un settore particolarmente "sensibile" considerata la necessità di welfare in una città che, in equilibrio precario costante sul piano economico e sociale crisi, abbisogna di misure continue su questi versanti per le famiglie in difficoltà.

Iniziamo con i servizi per l'infanzia. «Sono in fase di ultimazione i lavori di ristrutturazione dell’asilo nido e della ludoteca in via Parini che consentiranno, a partire presumibilmente dal mese di ottobre, di ampliare il numero di posti disponibili di ulteriori 60 unità, equamente ripartiti tra asilo e ludoteca - spiega l'esponente dell'esecutivo del sindaco Vincenzo Ascione -. Abbiamo voluto fortemente accelerare i lavori per rimettere in funzione quello che è un servizio di eccellenza nel nostro territorio».

Dopo l'avvio della prima fase del progetto Il Filo di Arianna, con l'elargizione dei voucher mamme, che consentiranno ai bambini di età tra i 3 e i 12 anni di poter prendere parte a campi estivi, ludoteca e spazi ludici presso la Casa Salesiana e l'Istituto Mazzarello, l'assessore annuncia anche l'avvio imminente del Concilia Point a Palazzo Criscuolo, un aiuto alle donne in cerca di lavoro. «Non sarà semplicemente un punto di consulenza fine a se stesso - continua Mariano - ma abbiamo in mente un programma che ci permetta di cogliere opportunità occupazionali nei nuovi settori e in sinergia che le concrete proposte progettuali che si stanno sviluppando».

Per quanto riguarda l'inclusione sociale dei disabili, sono in programma «una serie di inziative estive rivolte a coloro che vivono la disabilità», dice l'assessore. E sempre su questo tema, entro giugno i cittadini potranno presentare la domanda per richiedere l'assistenza domiciliare per anziani e persone con disabilità. Le istanze - in questo caso si tratta di servizi riservati ai residenti de quattro Comuni dell'Ambito N30 (oltre Torre Annunziata, ci sono Boscoreale, Boscotrecase e Trecase) - vanno indirizzate ai Comuni di residenza entro il 4 luglio prossimo, e successivamente si provvederà a stilare le graduatorie per ciascun Comune. «Avremo così - afferma Mariano - una effettiva fotografia di tutte le reali esigenze di coloro che necessitano di una assistenza fondamentale. Inoltre, a breve, verrà indetto un nuovo bando per il Segretariato Sociale che con nuovi criteri e una attenta valutazione ci permetterà di essere sempre più al servizio dei cittadini in modo preciso e attento alle esigenze personali».

In ultimo, ma non meno importante, l'attivazione di due importantissimi strumenti per il sostegno psicologico alle donne vittime di soprusi e per fornire assistenza alle famiglie che vivono al loro interno situazioni di disagio. «Negli uffici di via Parini (sede dell'Ambito N30, ndr) apriranno il Centro Antiviolenza e il Centro Famiglia. Saranno operativi a breve», conclude l'assessore.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook