A cura di Domenico Gagliardi

Monsignor Raffaele Russo, rettore della Basilica Madonna della Neve, festeggia i 45 anni di sacerdozio. Nella mattinata di martedì 18 dicembre, presso la residenza delle suore Salesiane di via Cavour a Torre Annunziata, ha avuto luogo la cerimonia celebrativa apertasi con la santa messa officiata dal vescovo di Nola Francesco Marino.

Presenti i sacerdoti delle parrocchie del comprensorio, i sindaci di Torre Annunziata e Boscoreale, Vincenzo Ascione e Antonio Diplomatico, l’on. Francesco Casillo, e rappresentanti di Associazioni e comunità religiose del territorio, in particolare i sacerdoti del circondario vesuviano.

Dopo la celebrazione della messa sono intervenute le autorità presenti per un saluto. «La venuta di don Raffaele a Torre Annunziata - ha detto il sindaco Ascione - ha dato uno slancio non solo alla comunità parrocchiale ma anche a tutto il quartiere. Ha messo in campo tutta una serie di iniziative volte alla riqualificazione della Basilica, dell’ex Orfanotrofio, del teatro San Francesco. Per questo ed altro ancora, a nome di tutti i cittadini torresi, desidero ringraziarlo per il servizio che ha reso a tutta la comunità e per quello che ancora potrà dare per il benessere spirituale dei fedeli».

«Porto il saluto di Boscoreale - ha aggiunto il sindaco Diplomatico -, la cittadina vesuviana dove don Raffaele ha svolto per molti anni la sua missione pastorale e dove ha lasciato un ottimo ricordo in tutti noi. Gli auguro di poter continuare a svolgere con immutato entusiasmo la sua funzione sacerdotale, al servizio della chiesa e della comunità locale».

«Il Rotary Club di Pompei - afferma il rappresentante del sodalizio Bernardo Brancaccio -dona al socio onorario don Raffaele Russo una pergamena quale riconoscimento delle sue doti straordinarie di pastore, oltre alla capacità, la competenza, l’umanità con cui in questi 45 anni ha svolto la sua missione pastorale».

Anche le comunità di fedeli della Basilica della Madonna della Neve e della chiesa San Francesco di Paola hanno voluto donare una pergamena a don Raffaele per il contributo da lui dato in questi anni di permanenza a Torre Annunziata.

«Vi domanderete perché la cerimonia dei miei 45 anni di sacerdozio si svolge qui dalle suore Salesiane - ha detto don Raffaele -. Sono onorato di essere il padre spirituale di 40 suore anziane che avrebbero avuto difficoltà a venire in Basilica. Non avrei mai potuto svolgere questa cerimonia senza la loro presenza. La bontà di un sacerdozio – continua - non si misura con il numero di anni di attività, bensì con la presenza costante e continua tra i fedeli. Nella mia lunga vita sacerdotale (ho preso i voti a 25 anni) ho cercato di costruire un ponte tra la chiesa e la strada. Spero di essere riuscito in questa difficile missione».

Poi il rettore della Basilica della Madonna della Neve conclude con i ringraziamenti. «Ringrazio i miei genitori che mi hanno donato la vita; i miei otto fratelli e sorelle; i sacerdoti che mi hanno guidato, sostenuto e voluto bene; mio zio sacerdote Felice Russo; mia zia Potenza di 95 anni che oggi è qui tra noi; sua eccellenza il vescovo Francesco Marino e tutti voi che avete voluto onorarmi della vostra presenza».

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook