A cura di Mario Cardone

La giornata del 15 agosto (Ferragosto) sarà trasformata in una festa popolare della cultura italiana, con i musei statali che resteranno aperti tutta la giornata.

L’iniziativa prevede una nuova importante occasione d’arricchimento emozionale e spirituale per i cittadini, le famiglie italiane ed i turisti dei tutto il mondo che potranno godere (gratis) delle bellezze italiane sparse in uno straordinario museo diffuso  che si combina con un paesaggio eccezionale ed insieme fanno del Bel Paese una meta ambita e celebrata.

E’ la conferma di una prestigiosa tradizione dell’archeologia vesuviana, merito soprattutto della dirigenza e del personale Mibact. La lungimiranza conferma il primato d’immagine degli Scavi di Pompei e degli altri parchi culturali limitrofi.

Rafforza l'offerta turistica regionale e nazionale. Concetto sintetizzato in un comunicato Mibact del ministro Dario Franceschini. In esso viene annunciato che a Ferragosto 2016 si apriranno alle visite Pompei ed i principali musei e luoghi della cultura italiana.

Un'apertura che si configura doppiamente significativa, visto che quest'anno la festività di Ferragosto cade di lunedì, consueto giorno di chiusura per gran parte dei musei italiani.

Intanto gratifica gli operatori turistici il successo del boom di ingressi registrato con l’iniziativa della domenica gratuita, dedicata alle Olimpiadi. Non è una novità il tutto esaurito a Pompei, dove sono stati ospitati oltre 23 mila visitatori. Il dato statistico pubblicato è inferiore solo a quello del Colosseo.  

Gli Scavi di Pompei saranno aperti dalle ore 9 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18). Gli Scavi di Oplonti a Torre Annunziata, quelli di Ercolano, l'Antiquarium di Boscoreale ed il sito di Stabia apriranno alle ore 8.30 (chiusura 19.30, ultimo ingresso ore 18).

(Nell'immagine, la Villa di Poppea a Torre Annunziata)

twitter: @MarioCardone2  

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook