A cura di Domenico Gagliardi

Proseguono i lavori per il completamento della bretella Porto-autostrade a Torre Annunziata. Lotto incluso nel più complessivo intervento di riqualificazione dello scalo marittimo e di bonifica della spiaggia della Salera, finanziato con 33 milioni dall,a Regione Campania mediante fondi europei.

Gli interventi stanno interessando l'area di via D'Angiò, che costeggia il Porto, e via Terragneta. E' qui che si registrano novità sul piano della vibilità. Per consentire le opere, infatti, la strada è stata chiusa all'altezza del passaggio a livello, e non è più accessibile da via Roma (zona cosiddetta della Ferriera, dove c'è il deposito dei mezzi della nettezza urbana).

In pratica, per raggiungere l'area industriale bisognerà percorrere via Castriota e via Provinciale Schiti, per poi svoltare in via Solferino. Qui il tratto di bretella è stato già realizzato con i precedenti lavori ed andrà a ricongiungersi con quello di nuova costruzione.

Percorso obbligato anche per i tanti genitori che accompagnano i loro figli al II Istituto Comprensivo di via Pascoli.

La bretella, opera di primaria importanza infrastrutturale per la città perché consentirà di deviare il flusso di autoarticolati direttamente versoil Porto e l'ex area Deriver, decongestionando dunque il traffico cittadino, attraverserà anche il campo nomadi di via d'Angiò che sarà sgomberato. I suoi occupanti dovrebbero essere trasferiti presso l'ex scuola di via Mulini a Vapore, alla quale si accede da via Grazie (strada parallela a via Roma). La struttura che, recentemente, è stata interessata da un incendio che non ha avuto conseguenze tragiche solo grazie all'intervento degli agenti del Commissariato di Polizia oplontino, che hanno salvato dalle fiamme alcune persone che occupano abusivamente l'edificio e due cani legati ad un palo.

Per essere sempre aggiornato, clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook