A cura di Domenico Gagliardi

Sarà un 2017 ricco di novità in tema di lavori pubblici a Torre Annunziata.

Attraverso mutui già contratti, ed altri da accendere presso la Cassa Depositi e Prestiti, l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giosuè Starita, ha intrapreso diverse iniziative di ampia portata che cambieranno il volto della città negli anni a venire e, contestualmente, consentiranno inoltre di mettere in atto interventi a breve scadenza per migliore dal punto di vista strutturale e funzionale i tanti edifici pubblici la cui competenza ricade proprio sotto l’Ente.
A parlarcene è l’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Raiola.

Assessore, quali sono le scadenze più vicine?

«Due in particolare. Entro fine anno inaugureremo la nuova piazza Imbriani con la fontana ornamentale collocata al posto della rotonda. In questi giorni sarà anche completato il sistema fognario in via Sant’Alfonso de’ Liguori e la relativa asfaltatura. La piazza avrà una nuova segnaletica orizzontale per il traffico, istituiremo la sosta oraria garantendo posti auto per i disabili e per i clienti della farmacia della zona. Un’altra notizia importante riguarda, poi, il collegamento centro cittadino-mare attraverso il Parco ex Cristo Re e la Villa del Parnaso. Ormai gli ultimi interventi della Città Metropolitana sono terminati. Siamo in attesa di firmare il comodato d’uso con l’ex Provincia di Napoli. Solo successivamente potremo stabilire il regolamento per l’accesso al Parco e alle scale che condurranno in via Marconi. In ogni caso, siamo fiduciosi di aprire l’area verde ed il relativo passaggio verso il mare nei primi mesi del nuovo anno».

Passando alle altre opere in cantiere, quali sono?

«Ne sono tante. Innanzitutto la manutenzione degli edifici pubblici comunali per 332mila euro. A questa si aggiungerà anche la manutenzione straordinaria e l’adeguamento degli standard di sicurezza per altri 241mila euro. C’è poi l’eliminazione delle barriere architettoniche negli alloggi di edilizia residenziale pubblica del Penniniello, con una spesa di circa 227mila euro. Verranno anche ripristinate le coperture pluviali e le parti condominiali pericolanti degli Isolati 21, 22 e 23 del Penniniello per un importo vicino ai 180mila euro».

Apprendiamo che sono in programma anche interventi per gli istituti scolastici comunali.

«Sì, è vero. Sosterremo una spesa complessiva di circa 550mila euro. Inoltre, sarà effettuata la manutenzione straordinaria dell’impianto di illuminazione del III Circolo Didattico di via Isonzo per 8.500 euro. Preciso che gli impianti di riscaldamento sono stati già oggetto di interventi e ad oggi sono funzionanti in tutte le scuole comunali».

Altre iniziative?

«Lo stadio Giraud sarà ristrutturato con risorse per 150mila euro. Verranno riqualificati la palazzina, dove hanno sede anche gli uffici comunali, gli spalti, i servizi igienici, l’impianto elettrico. Restando in zona, abbiamo anche approvato il progetto per la realizzazione della rotonda presso il Tribunale. Il mutuo è pari in questo caso a circa 80mila euro. Sarà un’opera importante soprattutto per decon-gestionare il traffico veicolare, molto caotico specie nelle ore mattutine. Relativamente alle strade, poi, il Comune ha stanziato 1 milione 750 mila euro per la manutenzione straordinaria. Altri 400mila euro serviranno a riqualificare i marciapiedi di via Vittorio Veneto, nel tratto compreso tra via Penniniello e via Cavour».

E la riqualificazione urbana del Rione Carceri?

«Anche in questo caso il Comune è intervenuto assicurando la realizzazione del I Lotto di lavori per 333mila euro. Interesseranno l’area tra via Bertone e via Castello».
Il waterfront sul lungomare di via Caracciolo?
«Siamo ormai alle battute finali per la vidimazione del famoso progetto Jessica. L’assetto urbanistico ed architettonico del litorale che costeggia il Porto verrà radicalmente trasformato con i 3 milioni e mezzo milioni di euro a disposizione. Riquali-ficheremo anche i porticati delle Ferrovie e creeremo nuovi poli di attrazione e di aggregazione per i cittadini».

Per finire?

«Un ultimo intervento riguarda la tutela del Monumento ai Caduti di piazza Cesàro, che verrà perimetrato da una recinzione metallica. Costo di circa 80mila euro».

Insomma, assessore. Tanti progetti che lasciate in eredità all’Amministrazione che vi succederà nella prossima primavera..

«Già, ci sarebbero voluti pochi anni per vederli realizzati tutti e dispiace che la mia esperienza amministrativa si concluda prima. Tuttavia, sono orgoglioso per il lavoro fatto. Si tratta di una serie di progetti, da quelli più impegnativi sul piano economico a quelli meno consistenti sotto questo aspetto, che nel giro di qualche anno consegneranno ai cittadini una Torre Annunziata del tutto diversa e cambiata. Le opere interesseranno il litorale, il centro e la periferia. Quindi, avranno impatto su tutto il territorio. E’ uno sforzo notevole in termini di risorse finanzierie ed umane, che ha coinvolto il mio Assessorato, la giunta ed i dipendenti dell’Ufficio Tecnico Comunale, ai quali va la mia gratitudine».

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook