A cura di Antonio Gagliardi

Pensionamenti allo Spolettificio Esercito di Torre Annunziata.  Ieri, lunedì 10 dicembre, si è svolta la cerimonia di commiato per 18 lavoratori dell’Ente Militare (17 uomini ed una donna) che potranno finalmente godersi il meritato riposo.

Alla presenza dei vertici dello Stabilimento (direttore, ten. col. Berardo Sabbatino; vice direttore, ten. col. Ferruccio Poles; capo ufficio segreteria e collaudi, ten. col. Roberto Marino), del personale militare e civile, e dei parenti dei neo pensionati, il direttore Sabbatino ha consegnato targhe e attestati di servizio, spendendo parole di apprezzamento per ognuno dei lavoratori con oltre 40 anni di servizio.

«Vi saluto tutti con un po’ di commozione perché rappresentate una parte della storia di questo Stabilimento - ha affermato il direttore -. Vi auguro di trascorrere in serenità con la vostra famiglia gli anni della pensione, e ricordo ad ognuno di voi che sarete sempre i benvenuti quando vorrete venirci a trovare»

Con i 18 pensionamenti, il personale dello Spolettificio si riduce a poco più di un centinaio di dipendenti, compreso anche il personale militare. Trentasette anni fa, il periodo delle ultime assunzioni, erano circa 600 i lavoratori che prestavano servizio presso lo storico Stabilimento torrese, toccando punte di ben oltre le duemila unità durante il secondo conflitto mondiale.

«Un’emorragia di personale - conclude il direttore Sabbatino - dovuta sia al blocco delle assunzioni nella Pubblica Amministrazione che all’esaurimento delle principali produzioni, quali le bombe a mano e il ripristino delle spolette. La recente riconversione industriale non ha dato i risultati sperati ed ora contiamo su una nuova grande commessa (distruzione delle armi, ndr) per rilanciare l’attività dell’Ente».

(Nella foto, da sinistra: Caracciolo, Maresca, Carifi, De Simone, Pallonetto, Meglio, Iervolino, Pizzigallo (accanto i tre ufficiali Sabbatino, Poles e Marino), Gargiulo, Miele, Loborio, Santaniello, Ilardi, Romitelli, Cirillo). Assenti: Gallo, Scognamiglio, Zurlo.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook