A cura di Michele Del Gaudio
Torre Annunziata - Quattro anni fa, l'intitolazione di via "Vittime innocenti di camorra"

Quattro anni fa, l’11 maggio 2017, Torre Annunziata intitolò una nuova strada: Via vittime innocenti di camorra”, già via Castello.

Alla manifestazione erano presenti studentesse e studenti, associazioni antimafie, parrocchie, autorità politiche, civili, militari e religiose. La strada si trova proprio accanto al fortino malavitoso, ora liberato, di via Bertone. Un atto di coraggio che venne festeggiato da bambine, bambini, ragazze, ragazzi che cantavano, mentre i Sindaci dell’Infanzia, della Preadolescenza e dell’Adolescenza scoprironono la targa.

Coraggio e festa erano le parole chiave, e memoria che diventava impegno sorridente per cambiare senza violenza la società che aveva consentito la morte violenta di: Rosa Visone e Luigi D’alessio, uccisi l’8 gennaio 1982; Costantino Laudicino, il 3 febbraio 1992; Matilde Sorrentino, il 26 marzo 2004; Luigi Cafiero, il 21 aprile 1982; Andrea Marchese, il 17 maggio 1995; Luigi Staiano, il 4 luglio 1986; Francesco Fabbrizzi, il 26 agosto 1984; Giancarlo Siani, il 23 settembre 1985; Raffaele Pastore, il 23 novembre 1996; Giuseppe Veropalumbo, il 31 dicembre 2007.

Tutti insieme ora accolgono Maurizio Cerrato, ammazzato il 19 aprile scorso da soggetti non camorristi ma pervasi dalla mentalità mafiosa.

Il ricordo rende attuali le persone scomparse. La parte che riusciamo a ricordare le rende viventi nella realtà quotidiana. Possiamo quindi augurare loro buona giornata e dialogare insieme.