Novità in televisione con nuovi e vecchi format.

«Vorremmo portare Idol in Italia - afferma Immirzi, direttore generale di Fremantle Media Italia, in un’intervista al Messaggero -. E’ il nostro terzo grande format di talent show, tutto è incentrato sull’artista, non ci sono squadre né competizioni tra giudici. Questo talent consiste in una competizione canora fra concorrenti scelti per mezzo di audizioni e selezioni effettuate da tre giudici e, solamente nelle fasi finali, dal pubblico, tramite televoto. In American Idol - prosegue -  i giudici sono nomi grandissimi dello show.  Da noi, invece, “la mentalità, il percepito della tv sono diversi rispetto all’estero. Alcuni pensano che non sia appropriato per un artista andare in tv. Credono che sia sminuente. Ma sbagliano. Però devo riconoscere che è anche un problema di budget. Non è un segreto, in America ci sono dei cachet incredibili”. Ad esempio a Katy Perry hanno dato 25 milioni di dollari».

La vera grande novità sarebbe il ritorno di uno storico programma tv, secondo quanto riporta il sito @gossipetv

«Ultimamente si punta sul reebot di marchi storici televisivi - continua Immirzi -. Si tende a riproporre i grandi successi del passato come “Rischiatutto” e “Sarabanda”. Tra non molto, infatti, ripartiranno, a reti invertite rispetto al passato, “La Corrida” (su Rai1) e “Scommettiamo che…?” (su Mediaset).

Fremantle, però ora punta a “Ok il prezzo è giusto!”, un altro nostro brand storico - anticipa - . Ci piacerebbe riportarlo in tv, ma di più non posso dire».

Il format è andato in onda sulle reti Mediaset (Italia 1, Canale 5 e Rete 4) a partire dal 21 dicembre 1983 fino al 13 aprile 2001.

Più di 3.466 puntate ed è stato, dopo “L’eredità” e “La ruota della fortuna”, il terzo quiz più longevo della tv italiana.

Tra i conduttori indimenticabili Gigi Sabani e Iva Zanicchi.