A cura di Domenico Gagliardi

Il calendario della pulizia delle strade di Torre Annunziata ha scatenato il popolo social. Dopo la sua pubblicazione, sono state tantissime le lamentele dei cittadini che hanno manifestato le loro perplessità sulla scelta adottata dall'Amministrazione comunale che, in via «provvisoria» - come recita l'ordinanza del Comando di Polizia Locale - ha disposto la pulizia cadenzata settimanale, al momento, solo per le strade della zona nord della città, fatta eccezione per via San Francesco di Paola, situata nell'area sud.

«Noi che abitiamo in altra strade smettiamo di pagare la tassa sui rifiuti?». «Noi cittadini di Torre sud siamo abbandonati. Politici di Torre lavate prima le vostre coscienze e poi la città». «Torre sud deve rimanere sporca?». Sono solo alcuni dei commenti che abbiamo raccolto su Facebook, scritti in calce al nostro articolo.

Altra questione riguarda poi la necessità, per consentire la pulizia in modo efficace, di spostare le auto nei giorni prestabiliti, dalle 6 alle 8 del mattino. Chi non lo fa, può subire la rimozione coatta del veicolo. «Non hanno mai pulito ora la colpa è delle auto. Alla villa comunale ci sono i cestini che strabordano, non vengono mai svuotati e gli spazzini scappano invece di pulire. E' una vergogna». «E le macchine dove le mettiamo... queste so' cose i pazz!!! Che idee brillanti». Il commento più "pittoresco" è senza dubbio questo (lo pubblichiamo così come è stato postato): «Vabbuo domenica sera a machin ma sagl ncopp e a mett rind o salotto!».

Insomma, a molti non è andata giù la cosa. 

A tranquilizzare i cittadini interviene l'assessora all'Ambiente, Floriana Vaccaro. «Voglio chiarire alcuni punti fondamentali. Il servizio è in via sperimentale e siamo partiti dalla zona nord della città perché c'è un'altissima densità di auto parcheggiate - spiega l'esponente dell'esecutivo del sindaco Ascione -. Stiamo lavorando per garantire lo stesso servizio nella zona sud e nel quartiere di Rovigliano.  Inoltre, il fatto di prevedere alcune strade e altre no, non è frutto di favoritismi ma di necessità - sottolinea Vaccaro -. Non tutte le strade, affinché vengano pulite, necessitano dello spostamento delle auto e della loro conseguente rimozione forzata in caso di inosservanza del divieto. Le zone della città in cui questo non sarà necessario - conclude - non saranno mai incluse nella pianificazione in quanto pulite regolarmente senza bisogno di alcuna cartellonistica né della rimozione forzata».

Basteranno le rassicurazioni dell'assessora a placare gli animi?

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook