A cura di Domenico Gagliardi

Nei giorni scorsi è stato siglato al Maschio Angioino di Napoli il "Protocollo d'intesa per il miglioramento del sistema di accoglienza dei richiedenti la protezione internazionale", sottoscritto - tra gli altri - dai sindaci di 92 Comuni dell'Area Metropolitana di Napoli (incluso il capoluogo partenopeo) insieme a Ministero dell'Interno, Prefettura, i cinque Comuni capoluogo, ANCI Campania (l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e le Direzioni del Parco Archeologico di Pompei e della Reggia di Caserta.

Tutti questi formano la cosiddetta rete SPRAR - Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati - tesa all'accoglienza e all'integrazione degli immigrati che giungono in Italia per sfuggire a guerre, carestie e persecuzioni nei loro Paesi d'orgine.

Ciascun Comune accoglierà gli immigrati in base a criteri di proporzionalità e sostenibilità. Così, il numero di presenze sarà commisurato alla popolazione residente. Il Governo ha previsto un sostegno economico agli oneri a carico dei Comuni per i servizi e le attività funzionali all'accoglienza e all'integrazione dei migranti, con un contributo di importo superiore per le progettualità aderenti alla rete SPRAR e con la possibilità di assunzioni flessibili in deroga al tetto di spesa (ad esempio, assistenti sociali) e il ricorso a manifestazioni di interesse per le cooperative.

Prevista, inoltre, una clausola di salvaguardia, vale a dire la possibilità di ridurre il numero di persone accolte e che rende esenti dall’attivazione di “ulteriori forme di accoglienza” quei Comuni che appartengono alla rete SPRAR o che hanno manifestato la volontà di aderirvi. Tutto ciò garantendo da un lato integrazione e accoglienza, dall'altro la sicurezza delle popolazioni residenti.

In sostanza, il protocollo mira ad una gestione ordinaria e razionalizzata del fenomeno immigratorio volta a superare, invece, le difficoltà legate alla straordinarietà degli interventi posti in essere per fronteggiare una delle più grandi problematiche della storia dell'uomo.

Come dicevamo, in provincia di Napoli sono 92 i Comuni interessati, per complessivi 8.802 rifugiati che dovranno essere accolti. Di questi - in ragione del Piano ANCI -, il numero maggiore sarà dirottato a Napoli: 1.948 persone su una popolazione di 974.074 abitanti. A seguire, Giugliano in Campania (394 persone), e la città di Torre del Greco, destinata a ricevere 276 profughi a fronte di una popolazione residente di 86.275 abitanti.

Detto di Torre del Greco, tra i Comuni vesuviani ci sono Castellammare di Stabia, a cui saranno affidate 213 persone; Portici ne riceverà 177; Ercolano, 172; San Giorgio a Cremano, 146; Torre Annunziata, 137; Somma Vesuviana, 113; San Giuseppe Vesuviano, 98; Boscoreale, 90; Pompei, 81; Ottaviano, 76; Poggiomarino, 70; Terzigno, 61; Boscotrecase, 33; Trecase, 29 così come San Sebastiano al Vesuvio.

Per quanto riguarda l'area dei Lattari, Gragnano ne ospiterà 93; Sant'Antonio Abate, 63; Santa Maria La Carità, 38; Agerola, 25; Pimonte, 19; Casola di Napoli, 12.

Infine, la penisola sorrentina: Vico Equense, 67; Sorrento, 53; Massa Lubrense, 46; Piano di Sorrento, 42; Sant'Agnello, 29; Meta, 26.

I numeri, come detto, possono ridursi in applicazione della clausola di salvaguardia.

In ultimo, il ruolo dei due tra i principali siti culturali regionali: Pompei e Reggia di Caserta. Qui, potranno essere realizzati progetti sperimentali rivolti ai cittadini stranieri richiedenti asilo che, in base ad un’adesione volontaria e gratuita, potranno svolgere attività di utilità sociale favorendo migliori condizioni di integrazione sociale. 

Per consultare il documento completo relativo alle cinque province campane, clicca qui.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook