A cura di Domenico De Vito

Tokyo 2020, la premiazione delle atlete di pugilato femminile pesi piuma (54-57 kg).

Ad Irma Testa, pugile di Torre Annunziata, una storica medaglia di bronzo. Mai prima ad oggi una pugile donna aveva conquistato una medaglia alle Olimpiadi.

Intervistata dai microfoni della Rai, Irma Testa ha dichiarato: "Sognavo questo momento da quando ho iniziato. E' una sensazione indescrivibile, avere in mano questa medaglia è uno dei momenti più belli della mia vita. Penso alla mia scalata, a tutti i sacrifici, da dove sono partita e dove sono oggi, è un percorso che lascia segni indelebili dentro. Tutto ciò rappresenta un segno di riscatto, ce l'ho fatta, ho preso una medaglia olimpica, che è il sogno di ogni atleta, la conferma che tutto quello che ho fatto è servito a qualcosa. Dedica? Alla mia famiglia che ha fatto tanti sacrifici, al mio maestro con cui ho iniziato. Il grazie più grande va però al maestro Emanuele Renzini, il commissario tecnico della Nazionale italiana. Sono 9 anni che mi aiuta e ha fatto in modo che diventassi un’atleta di livello mondiale”.

Lunedì 9 agosto Irma Testa, insieme al campione europeo di calcio Ciro Immobile, saranno premiati dal sindaco Vincenzo Ascione per il grande risultato ottenuto da entrambi nelle rispettive discipline.