A cura di Mario Cardone

Domenica 28 agosto gli scavi archeologici vesuviani hanno incassato in tutto circa 120 mila euro a favore della ricostruzione dei musei e luoghi d'arte e cultura che sono andati distrutti nel terremoto che ha colpito il Centro Italia

L’iniziativa del ministro Dario Franceschini di devolvere per la ricostruzione delle chiese e delle altre strutture danneggiate o abbattute dal sisma, come musei e gallerie d’arte che contengono opere culturali di immenso valore, si è rivelata, pertanto, fruttuosa e rispondente. 

In questa gara di solidarietà basata sulla valorizzazione del patrimonio artistico a favore di siti danneggiati dal recente terremoto, Pompei e gli altri siti archeologici vesuviani hanno fatto come al solito la parte del leone. 

I botteghini degli scavi di Pompei hanno da soli registrato un incasso, domenica scorsa, di quasi centomila ero. La parte rimanente è stata incassata principalmente da Ercolano e dagli altri siti a pagamento (Oplonti e Boscoreale). 

A Pompei, nello specifico, sono stati registrati complessivamente quasi novemila ingressi. I paganti sono stati 7.391. I non paganti, 1.549.

L’incasso complessivo, come è stato detto, ammonta quasi a 100 mila euro a cui concorrono le varie mostre (con biglietto a parte) per circa 15 mila euro

Va precisato a riguardo  che nello specifico Pompei e la Soprintendenza vesuviana (che è autonoma dal punto di vista della gestione degli incassi) ha devoluto la somma incassata a favore della ricostruzione di monumenti culturali dell’Italia centrale sottraendola al restauro del Parco.  

twitter: @MarioCardone2  

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook