A cura di Salvatore Cardone

«Ciao Salvatore, ho ricevuto e letto il tuo libro. Che bello! Ti ringrazio per aver dedicato la tua ricerca alla mia famiglia. In estate si riuniranno a Nervi (Genova, ndr), a casa di Raffaela, sorella di Dino, quattordici miei parenti per trascorrere insieme alcuni giorni di vacanze e anche per leggere e commentare il tuo libro, che ho trovato molto interessante.Ti saluto cordialmente. Martha». Non immaginereste mai chi è questa donna, in prima battuta. E voglio svelarvelo subito! È Martha Schumacher, moglie americana di Dino De Laurentiis. Come l'ha conosciuta, nel 1980, ce lo racconta lo stesso nostro concittadino, famoso produttore cinematografico, nel libro: "Dino De Laurentiis, la vita e i film" i cui autori sono gli scrittori Kezich e Levantesi.

"Sono a New York, nel mio ufficio ed ho la porta aperta. Improvvisamente vedo passare un angelo biondo e rimango imbambolato - racconta Dino -. Mi informo e scopro che si chiama Martha e lavora nel settore amministrativo". Nonostante la grande differenza di età, 35 anni, si innamorano e si sposano dieci anni dopo, nel 1990. Avranno due figlie: Carolyna e Dina. Dino è scomparso circa otto anni fa, a novembre del 2010. E Martha continua l'attività di produttrice cinematografica come presidente della Dino De Laurentiis Company.

Ma come sono riuscito a mettermi in contatto col lei? Grazie a Loredana Burgio, moglie dell'avvocato Domenico Nicolas Balzano e nipote di Dino, ho avuto il numero di telefono di Raffaela De Laurentiis, sorella di Dino, che vive a Milano. L'ho chiamata e incontrata a casa sua (leggi articolo) e mi ha dato la mail di Martha per inviarle il mio libro "Pasta, amore e fantasia. Le origini della famiglia De Laurentiis". E dopo pochi giorni mi è arrivato su Messenger il ringraziamento di Martha che ha espresso così la sua gioia per aver conosciuto le radici genealogiche della famiglia del marito e molte altre notizie che le erano sconosciute. In verità Martha già sapeva da dicembre scorso della presentazione del mio libro.

E infatti mi aveva contattato in quel mese su Facebook - al riguardo, le avevo inoltrato la richiesta di amicizia - per chiedermi: "Come è andata la presentazione di Pasta, amore e fantasia? Saluti e buon Natale". Ed io ho ricambiato gli auguri, l'ho ringraziata per la sua gentilezza e le ho raccontato della presentazione. Ho voluto scrivere questo articolo per dimostrare la grande signorilità di una donna famosa che ha dedicato il suo tempo al mio libro e si è interessata di conoscere la storia della famiglia del marito ma contemporaneamente anche della nostra città, dove Dino ha vissuto la sua infanzia ed adolescenza. Grazie Martha, anche a nome di TorreSette che ti dedicherà questo scritto per aver saputo donare ad un famoso torrese, il nostro Dino, tutto il tuo amore.   

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook